Il vento sulla propria pelle…

21 maggio, all’imbrunire

Il vento scuote con forza gli alberi, sposta le nubi, fa brillare come stelle le luci della città… e richiama alla memoria le bellissime parole di Alda Merini:

“Mi piace la gente che sa ascoltare

il vento sulla propria pelle,

sentire gli odori delle cose,

catturarne l’anima.

Quelli che hanno la carne

a contatto con la carne del mondo.

Perché lì c’è verità, lì c’è dolcezza,

lì c’è sensibilità, lì c’è ancora amore.”

Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...